La fabbricazione digitale a TOG

Una delle scoperte più innovative per TOG è stata quella di poter offrire come servizio ai propri pazienti e alle famiglie (e poi anche all’utenza esterna che ne fa richiesta) l’ideazione e la realizzazione di oggetti, strumenti, ausili mediante la fabbricazione digitale.

La storia dell’incontro tra TOG e la fabbricazione digitale comincia dieci anni fa; grazie alle collaborazioni con il FabLab milanese Opendot sono nati progetti meravigliosi che hanno migliorato la qualità della vita di tante famiglie di TOG e che hanno portato Fondazione TOG a volgere uno dei propri motori di interesse verso il mondo dei FabLab.

Tutto ha origine dal bisogno: il bisogno delle famiglie dei bambini con fragilità, che viene espresso in tutta la sua specificità e complessità. Da qui parte il processo di progettazione di una risposta a quel bisogno.

Insieme al team dei terapisti, i tecnici del Lab cercano di realizzare quell’oggetto che manca, che probabilmente sul mercato non esiste oppure esiste ma è troppo costoso. Lo si rende accessibile, e soprattutto BELLO.

TOG FabLAB nasce così, con questi obiettivi e questo vissuto. Si tratta di un laboratorio di fabbricazione digitale e falegnameria del Centro TOG, con stampanti 3d di ultima generazione, attrezzi e macchinari per poter progettare e creare oggetti e ausili per l’utenza e per portare avanti collaborazioni con altre realtà impegnate nel settore.

TOG FabLab è stato realizzato grazie al prezioso contributo di Fondazione Vodafone.

Con Fondazione TOG sarà possibile quindi avviare all’interno del FabLab diversi tipi di progetti, quali workshop, seminari, momenti aggregativi e di team building; ma anche collaborazioni con aziende su diversi tavoli di progettazione. Non poniamo limiti alla creatività che genera modelli di sviluppo e sostegno concreto alle famiglie dei ragazzi con disabilità.